Santiago Montejo, Julio Carrasco y Guillermo Arrien en la inauguración de las nuevas instalaciones

Nuove riforme nello stabilimento di Marín consentono a Marfrío di scaricare più di 17.000 tonnellate di tonno all’anno

Santiago Montejo, Julio Carrasco y Guillermo Arrien en la inauguración de las nuevas instalaciones

Nuove riforme nello stabilimento di Marín consentono a Marfrío di scaricare più di 17.000 tonnellate di tonno all’anno

Con atto informale, hanno partecipato i direttori generali di Marfrío e Atunlo, il presidente e direttore dell’Autorità Portuale di Marín e membri dei consigli di amministrazione di entrambe le società, nonché soci armatori; hanno inaugurato le nuove strutture per le quali sono stati investiti 1,4 milioni di euro.

Santiago Montejo, Julio Carrasco y Guillermo Arrien en la inauguración de las nuevas instalaciones
Santiago Montejo, Julio Carrasco e Guillermo Arrien all’inaugurazione delle nuove strutture.

È previsto un movimento minimo annuale di 17.000 tonnellate di tonno, che il gruppo spera di raddoppiare in un anno.

Questo investimento influisce sulla banchina di carico e sulla capacità di refrigerazione che Marfrío ha reso indipendente per ottenere operazioni. Consente ai mercanti di qualsiasi parte del mondo di attraccare davanti alla nave che la compagnia ha a Marin, per procedere allo sbarco e alla classificazione. Tenendoli nelle loro celle frigorifere fino a quando non lasciano di nuovo Marín per la lavorazione negli stabilimenti e Lomeras nel nord della Spagna.

Equipo Marfrio y Atunlo en la inauguración del muelle de carga de Marfrio S.A.
Carretillero trabajando en la descarga de atún

Questa attività pone Marfrío come centro logistico nel nord della Spagna per la distribuzione di tonno e altri pesci sfusi.

Alcuni fatti di investimento

È previsto un movimento minimo annuale di 17.000 tonnellate di tonno, che il gruppo spera di raddoppiare in un anno.
Lo scarico avverrà davanti ai 140 metri lineari di ormeggio davanti alla piattaforma Marín.
Ad ogni download verranno creati in media 80-90 lavori diretti.

Potete vedere la notizia completa su: El Diario de Pontevedra e dentro La Voz de Galicia.

Condividere:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Potrebbe interessarti anche...